Vendemmia 2017, pessima per via del caldo torrido

Vendemmia 2017, pessima per via del caldo torrido

Se non si possiede una antina è arrivato il momento di provvedere è arrivato il momento di provvedere e di accantonare tutti i vini migliori. La vendemmia 2017 si è infatti rivelata pessima, non si registrava una produzione così bassa da più di 50 anni.

Secondo i dai dell’Organizzazione intenrazionale della vite e del vino (OIV) la produzione a livello mondiale è infatti calata dell’8%, fermandosi a 247 milioni di ettolitri. nel 2017.

I paesi più devastati dalla diminuzione del raccolto nella vendemmia 2017 sono proprio i 3 produttori mondiali più grandi, l’Italia con un calo del 23%,la  Francia del 19%,la  Spagna del 15%. Uncalo del raccordo che non si vedeva dal 1961. La colpa è del cambiamento climatico e del caldo che ha devastato le vigne.

Come scrive il The Guardian, un ettolitro è l’equivalente a 133 bottiglie standard di vino, per cui assistiamo in termini di  output ad una ricaduta di circa 2,9 miliardi di bottiglie nel 2017.

[ Scarica la nostra App gratuita, potrai trovare tutti i migliori vini  del Mondo disponibili sul mercato, oltre che tutti gli eventi e le degustazioni di vino più vicine a te. ]

Jean-Marie Aurand, direttore generale dell’OIV di Parigi, ha dichiarato che le sue proiezioni mostrano una produzione mondiale del vino in calo da diversi decenni.

“Questa caduta è la conseguenza dei rischi climatici“, ha dichiarato Aurand. “Nell’Unione europea eventi climatici estremi – dal gelo alla siccità – hanno significativamente influenzato la produzione di vino del 2017, che era storicamente bassa”.

Come scrive  Wine news In Italia, dopo una vendemmia anticipata di almeno due settimane, Assoenologi, Ismea e Uiv hanno confermato le preoccupazioni ormai note in tutto il settore vinicolo italiano: un calo di oltre il 25% della produzione sul 2016, da 54,1 a 41,1 milioni di ettolitri, e probabilmente anche meno, con perdite di raccolto che vanno da un -11,5% del Friuli ad un -35% di Sardegna, Umbria e Sicilia. Questi ammanchi insieme alla ristretta offerta globale, sta rendendo il mercato italiano molto attivo: i prezzi si mostrano validi solamente per due giorni, per poi dover essere rivisti verso l’alto. Ma l’aumento dei prezzi è solo parte del problema: il guaio maggiore per gli acquirenti di vino sfuso è che non potrebbe essercene abbastanza per soddisfare tutte le richieste.

 

Scarica Glu Glu Wine:

 

2 Comments
Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *